Watsu cos'è

Watsu cos'è

Watsu cosa è

Watsu cos'è e a cosa serve

Una terapia moderna ma che ha radici antiche anche se con altri fini e nomi. Lo Watsu, una terapia per il dolore e il relax moderna.

Cosa significa Watsu

Watsu, letteralmente è l'insieme di due parole, una inglese e l'altra giapponese, che derivano da water e shiatsu, ovvero acqua e shi ovvero "dita", insieme a atzu, cioè "pressione". Acqua calda a temperatura quasi corporea intorno ai 35/37° C, viene usata per rilassare il corpo senza alzare la temperatura personale normale di base, senza sentire freddo.

Watzu indica una terapia di massaggio fatto in acqua, che guida le tensioni del corpo a ritrovare un sano relax, usando la memoria inconscia del corpo, legata all'utero materno. Nell'utero, ogni persona prima di venire al mondo, si sente protetto e a "casa", cosa che aiuta a ritrovare la propria naturalezza anche nella vita di tutti i giorni, interessata da tensioni fisiche e psichiche.

Il creatore dello Watsu si chiama Harold Dull che ne ha fatto una disciplina acquatica sempre più diffusa, praticata a livello mondiale fin dagli annni '80. In una sessione di Watsu si è cullati dall'acqua tiepida tramite movimenti che riuniscono tecniche orientali dello Shiatsu e dello Stretching; il Watsu è profondamente rilassante.

Se ti interessa il libro sullo Watsu puoi cliccare qui

Libro sullo watsu

Clicca qui se vuoi acquistare il libro sullo Watsu

 

Watsu terapia ralax

Uno degli aspetti di rilievo, della medicina che tiene conto dell'unità mente-corpo e del rapporto conscio-inconscio, è quello dell'autoguarigione. La medicina tradizionale , tende generalmente a combattere le malattie, valutando il corpo come un insieme di singole parti, dove ognuna di queste parti va quindi curata da uno specialista, senza tenere conto dell'insieme.

La medicina complementare, considera invece la persona come un tutto unico e cerca di ripristinare le relazione interne che si sono interrotte, riconducendo il corpo a funzionare in modo corretto. Curare a questi livelli, significa ripristinare la forza vitale innata del corpo.

Dolore e sofferenza sono messaggi che il corpo invia per chiedere aiuto alla parte conscia del nostro essere: in quel momento è importante guardare un attimo dentro di noi e riflettere se i nostri ritmi sono quelli corretti oppure se non sia meglio rimodulare il nostro modo di vivere.

Negli ultimi tempi, anche la medicina allopatica sta sempre più considerando l'importanza di non trattare il corpo solo nelle sue singole parti, bensì pure nella sua globalità. Nel momento in cui ci troviamo in una situazione di stress fisico (traumi, incidenti, eccetera) o biochimico (alimentazione scorretta, abuso di fumo e alcol), il sistema nervoso centrale provvede ad adattare il nostro comportamento a queste situazioni.

Se la situazione negativa non si risolve in tempi brevi, a livello del midollo spinale, si crea un accumulo di tensione che non riesce a scaricarsi. Questa tensione coinvolge le ossa, le articolazioni, i muscoli, i meridiani; all'inizio solamente a livello della colonna vertebrale , ma in seguito in altre zone del corpo.

L'energia bloccata crea tensione a livello dei tessuti, modificando il funzionamento delle cellule. Il Watsu e gli adattamenti del medesimo effettuati dall'operatore (chiamato Practioner o Watseur), permettono di abbassare lo stato di tensione e di aiutare il corpo a rilasciare le energie in soprannumero, accumulate.

Il nostro corpo è in grado di mettere in atto strategie auto correttive: il compito della sessione consiste nello stimolarle.

Terapie rilassanti in acqua

Un sistema nervoso libero rimane flessibile, il corpo ha una maggiore possibilità di recupero, i problemi che si presentano vengono affrontati con maggiore positività. Le parti del corpo sono in collegamento naturalmente, gli scambi energetici fra le varie parti si svolgono in modo corretto.

Salute significa anche autostima, responsabilità, amor proprio; dove mente, corpo ed energia si incontrano, troviamo il sistema nervoso e lo spirito. Nel momento in cui prendiamo a nostro carico le responsabilità della nostra salute, diventiamo coscienti di ciò che facciamo e partecipiamo attivamente alla nostra guarigione, dove possibile.

La sessione di Watsu è complementare, non alternativa, come lo è la mia visione di medicina, infatti, l'obiettivo proposto è quello di ricreare le relazioni interne dell'organismo che si sono interrotte, in questo modo la forza vitale è ripristinata ed il processo di autoregolazione avviato, o per meglio dire riavviato.

Il trattamento Watsu, così come ogni altra tecnica di autoguarigione, auto-aiuto, rimedio naturale, in nessun caso sostituisce l'indicazione data dal medico o specialista curante, ma ne diventa un complemento curativo, che aiuta le cure allopatiche.

A chi è sconsigliato lo Watsu

Il massaggio Watsu è sconsigliato in caso di febbre alta, gravidanze a rischio, patologie polmonari o cardiovascolari, ferite e infezioni alle vie urinarie.

Dove trovare lo Watsu

Per lo più, le infrastrutture serie che praticano lo Watsu sono localizzate nel Nord Italia e nel Centro, ma qualche società che tratta il benessere fisico, la si trova anche al Sud del nostro paese. Per controllare se vicino a voi si trova una struttura seria ed adeguata per un trattamento Watsu potete visitare il seguente sito:

 

 

Ti potrebbe interessare leggere