vini curativi

Vini medicinali

Vino guida ai vini italiani

vini medicinali proprietà

Vini medicinali

Vini curativi

Un aspetto particolare della cura con le piante o parti di esse è rappresentato dall'uso del vino medicinale, detto enolito (dal greco eno, che significa “vino” e lytos che significa “sciolto”), che rappresenta una forma particolare gradevole di assunzione del medicamento. E' stato infatti dimostrato che quando un farmaco viene somministrato per mezzo di una sostanza (detta eccipiente) gradevole e bene accetta al paziente, esso agisce con maggiore efficacia.

Si tratta di un effetto psicologico, o meglio psicosomatico, ma che riveste notevole importanza specialmente se si pensa che molte malattie dell'uomo moderno sono proprio di origine psicosomatica, si tratta cioè, di alterazioni psichiche, come stati di ansai e stress, che presentano sintomi somatici o fisiologici come ad esempio ulcere, gastriti, coliti, eccetera.

Curarsi con i vini medicati

Nel caso degli enoliti, agli effetti benefici dovuti alle droghe (le erbe, infatti con il termine droga si intende la parte della pianta che viene usata nelle preparazioni familiari e nell'industri farmaceutica, dei liquori, dei profumi, ecc.., direttamente o per estrazione dei principi attivi in essa contenuti) presenti nelle piante si assommano le numerose proprietà preventive e medicamentose del buon vino, naturalmente in situazioni opportune e a dosi moderate, infatti l'abuso nell'assunzione di vino e di alcolici in genere, può condurre a numerose alterazioni a carico del sistema digerente e delle ghiandole annesse (esofago, stomaco, intestino tenue, fegato, pancreas), del sistema nervoso e anche dell'apparato circolatorio.

La manifestazione più grave dal punto di vista patologico dell'abuso di alcolici è l'alcolismo, o etilismo, che presenta una serie di alterazioni gravi dell'equilibrio psicofisico che vanno dalla parziale paralisi delle funzioni psichiche agli attacchi convulsivi, deliranti, a disturbi al fegato e ai reni e a molte altre manifestazioni anormali.

Ma solo un uso scorretto del vino può provocare effetti negativi; esso rimane comunque uno dei prodotti più nobili della terra, del lavoro e dell'intelligenza umana che accompagna da migliaia di anni la vita e la gioia dell'uomo. Bere vino in dosi moderate e nei momenti giusti non solo non fa male ma, come si vedrà, giova alla salute e aiuta a vivere meglio.