Proteggere vie aeree con oligoelementi e erbe

Frutti di bosco rinforzo sistema immunitario

Ribes frutti di bosco immunostimolanti

Minerali, bacche ed erbe alcalinizzanti liberano la gola e i bronchi da virus e batteri curando anche l'influenza.

E' soprattutto in questa stagione che l'abitudine a soggiornare in ambienti chiusi e surriscaldati, dove aumenta la frequenza del contagio, apre la strada alle insidiose infiammazioni delle vie aeree: la formazione di muco tra naso e trachea favorisce il ristagno di germi che, se non vengono debellati, possono dar luogo a disturbi cronici come tosse, riniti, sinusiti, otiti e bronchiti, che rischiano di farci compagnia fino a primavera quando, sulle infiammazioni pregresse, spesso si sovrappongono le allergie.

Quando la gola comincia a pizzicare avvolgete subito intorno al collo una sciarpa di seta naturale e tenetela giorno e notte finché il disturbo non migliora; la seta isola la gola dal freddo e la riscalda, accellerando la guarigione mentre la lana la fa sudare e rischia di peggiorare il disturbo.

Si può anche attuare una cura nella quale si somministreranno oligoelementi da seguire per 3-4 mesi, che aiuterà a prevenire l'insorgenza di infiammazioni e dissolverà gli accumuli di muco e catarro che favoriscono la diffusione di virus e batteri diminuendo così le recidive. Due o tre volte alla settimana, la mattina a digiuno, assumete una fiala di manganese-rame (oliogoelementi); questo abbinamento è il più efficace per stimolare le difese immunitarie: tenente il liquido sotto la lingua per 30 secondi e poi deglutite.

Quando notate che i sintomi iniziano a migliorare, fate una cura di un paio di settimane con l'estratto di erba d'orzo pregermogliato che trovate in erboristeria: ricca di vitamine e fitonutrienti, cattura ed elimina le scorie acide e i catarri prodotti dall'infiammazione e, in più, accellera i tempi della guarigione. Se ne diluisce un cucchiaino colmo in un bicchiere di acqua naturale, latte vegetale o spremuta di arancia e si beve una volta al giorno, preferibilmente la mattina.

Per prevenire ricadute, potete associare alla sinergia Manganese-Rame e all'erba di orzo il macerato gli cerico di ribes nero (Ribes nigrum MG I DH): agisce come un cortisone naturale ma è privo di effetti collaterali ed è anche una ottima prevenzione nei confronti delle allergie. Da novembre fino a marzo, per due settimane al mese assumete la mattina a digiuno, 40 gocce di macerato gli cerico di ribes nero diluite in un piccolo bicchiere di acqua. Contro la tosse e il mal di gola potete assumere la tintura madre di altea, dall'azione lenitiva, decongestionante ed emolliente: bevetene 40 gocce diluite in mezzo bicchiere di acqua 3 volte al giorno, fino alla scomparsa totale dei sintomi.

Contro le afonie e i cali di voce in generale, è sempre efficace l'erismo, noto anche come "erba dei cantanti"; ai primi accenni di raucedine, assumete 30 gocce di tintura madre 3-4 volte al giorno, fino a miglioramento dei sintomi.

Contro sinusiti e bronchiti affidatevi all'echinacea, già nota agli indiani pellerossa come rimedio per accrescere la resistenza alle infezioni, è l'ideale per drenare le mucose dalle tossine infiammanti e stimolare le difese. Assumetene 30-50 gocce in tintura madre in un pò di acqua, 3 volte al giorno, fino alla scomparsa dei sintomi.

 

 

Ti potrebbe interessare leggere

vestiti per lo yoga

Negozio prodotti per lo yoga