• Home
  • Blog
  • Il fegato: la riflessologia plantare

Meticillino Staphylococcus aureus resistente a antibiotici

 Malattia virale MRSA dei visoni

Visone con virus resistente a antibiotici

MRSA fuori controllo: batteri multiresistenti pericolosi salta da visone per gli esseri umani.

Virus resistenti antibiotici nei visoni passa a umani

Gli esseri umani infettati da MRSA, meticillino Staphylococcus aureus resistente, possono avere gravi effetti sulla pelle, nel tratto respiratorio e nel tratto urinario. Le infezioni da batteri, resistenti agli antibiotici e quindi molto difficili da combattere, possono durare per anni.

I sintomi dell'infezione dipendono dalla parte del corpo che è stata infettata: infezioni della pelle possono provocare arrossamento, calore, gonfiore, lesioni dolorose (piaghe), bolle e vesciche. Le persone possono avere batteri nei polmoni e quindi presentare i sintomi di una malattia respiratoria: febbre, tosse, mancanza di respiro, fatica. Le infezioni possono generarsi anche nelle ferite da operazione chirurgica, ustioni, siti dei cateteri e nel sangue, a volte i soggetti colpiti da questa malattia possono essere portatori sani di MRSA, ciò significa che il virus sta vivendo nel loro corpo senza causare loro malanni di qualsiasi tipo.

Su un totale di 25 persone infette, 18 hanno avuto un contatto diretto con visoni, gli altri sette sono familiari o persone che collaborano a stretto contatto con queste persone, dice il Dr. Robert Leo Skov dallo Statens Serum Institut (SSI). Robert Skov si occupa della vigilanza batteriologica e il controllo delle infezioni, è stato anche responsabile per la strategia contro la MRSA danese negli ultimi anni: è Skov che ha raccolto le statistiche a livello nazionale. Tuttavia, il modello di infezione non è né casuale né uniformemente distribuito in tutto il paese, il numero di lavoratori infetti presso gli stabilimenti di allevamento di visoni, riflette l'abbondanza di animali infetti in essi contenuti e di come i batteri passano da animale a uomo. La maggior parte dei casi segnalati alle autorità sanitarie fino ad ora sono stati nello Jutland settentrionale, dove la densità degli allevamenti di visoni è alta.

La risposta ad una richiesta di accesso alle autorità nella Regione Nord (parte settentrionale dello Jutland), firmato dal consulente dell'igiene Henrik Calum, mostra che 15 dei 25 casi noti in cui visoni sono sospettati di essere la fonte dell'infezione origina dalle regioni del nord. Secondo Henrik Calum nel 2011 le autorità sanitarie hanno identificato quattro individui portatori della malattia a contatto diretto con visoni, due di loro con focolai attivi. Nel 2012, hanno trovato sei persone, di cui quattro a contatto diretto con visoni e due appartenenti a un unico nucleo familiare. Due hanno avuto focolai di infezione e nel 2013 fino a metà ottobre, hanno trovato altri cinque individui infetti che lavoravano a diretto contatto con questi animali, di cui quattro con infezioni in atto.

Nessun infezione a Copenhagen per ora

Robert Skov ha confermato il modus operandi di questo virus che si propaga in maniera disordinata per adesso, indicando la presenza di infezioni nella Regione Midtjylland, tre nella Regione Syd e una nella regione Sjælland, eppure non c'è nessuna infezione in Danimarca, Hovedstaden, che corrisponde alla totale presenza delle fabbriche di visoni nella zona. La predominanza dei pazienti nello Jutland settentrionale è probabilmente legato alla smania delle autorità del luogo, particolarmente attive nel tracciare l'infezione, in tal caso, i 25 casi in Danimarca sarebbero solo la punta dell'iceberg. La maggior parte delle fabbriche di visone sono situate nella Regione Midtjylland e potrebbero quindi essere maggiormente portate a vedere più MRSA rispetto ai casi su esseri umani infettati da visoni in questa regione.

Batteri multiresistenti nella metà dei visoni danesi

Negli ultimi 10 anni l'industria del visone danese ha triplicato il consumo di tetraciclina, colistina e la penicillina, come conseguenza ha prodotto batteri di Escherichia Coli e meticillino resistenti agli antibiotici, così come lo stphylococcus aureus che si trova nel visone, portando a inficiare le cure in caso di infezioni su umani. L'uso di antibiotici negli stabilimenti di visone danesi sono ormai così diffusi che probabilmente la metà degli animali portano diversi batteri multiresistenti, questo secondo uno studio in cui i campioni sono stati prelevati da 631 visoni morti da 185 diverse fabbriche 2008. Batteri di Escherichia coli nei visone hanno sviluppato una resistenza ai farmaci come l'ampicillina, sulfametossazolo, tetracicline, streptomicina e trimetoprim, mentre stafilococchi in particolare erano poco ricettivi a colistina, tetraciclina, streptomicina e penicillina.

La diffusione di MRSA nei visoni danesi può essere correlato all'uso di frattaglie da macelli come foraggio per gli animali. I rifiuti contengono i polmoni e l'intestino che sono riconosciuti i migliori vettori per la MRSA nei suini, cosa che potrebbe svelare l'origine dell'infezione. Normalmente in un ambiente senza batteri questi virus sarebbero sconfitti ma a causa del pesante uso di antibiotici, molti batteri non sopravvivvono lasciando quindi strada libera ai virus aggressivi. Non ci sono notizie rigurado a quali tra le 1.600 fabbriche che producono pelli per visone, abbiano contratto la MRSA, né i proprietari delle fabbriche, né l'associazione Kopenhagen Fur o le autorità danesi possiedono questi dati di vitale importanza, cosa assai sospetta.

Notizia del 4 NOVEMBRE 2013... strano che i giornali non abbiano detto nulla....

 

Ti potrebbe interessare leggere

vestiti per lo yoga

Negozio prodotti per lo yoga