Sale e salute

Sale e salute rimedi naturali

Sale di qualità e salute

In molti lo hanno tacciato come sostanza dannosa, altri come un toccasana per molti malanni: la verità è sempre nel mezzo, come in questo caso.

Sale usi medicinali

Fin dall'antichità il sale è stato considerato come una sostanza di vitale importanza, spesso ammantandolo di un alone di magia: impiegato come metodo di pagamento, da qui il termine "salario" e ancor più spesso come moneta di scambio, il sale era anche un elementoche suggellava legami personali, come le amicizie e i matrimoni, e che veniva offerto agli spiriti come segno di grande rispetto. Non è quindi un caso che già l'illustre Cassiodoro, nel primo secolo dopo Cristo, sostenesse che "all'oro si può rinunciare, al sale no".

Oggi le cose sono molto cambiate, i salari si pagano in moneta sonante, i rapporti tra le persone si firmano su carta, i cibi vengono conservati nei frigoriferi e non più ricoperti di sale per evitare il deterioramento. Ma c'è una cosa che sicuramente non è più come prima: la qualità del sale. Il sale è, insieme all'acqua, un elemento la cui assenza è impensabile per il genere umano ed è proprio questa interazione tra acqua e sale a regolare le funzioni fisiche.

Il sale entra in gioco in molti processi del nostro organismo:

* Stabilizza la circolazione del sangue
* Ottimizza la digestione
* Mantiene in equilibrio i liquidi delle cellule
* Stimola l'attività cerebrale
* Previene la comparsa di crampi.

Quindi perché viene demonizzato, dicendo che il sale da i problemi alla circolazione o quelli della ritenzione idrica? Come spesso accade al giorno d'oggi, è solo una questione di quantità e qualità.In realtà un essere umano ha bisogno di poco sale per restare in salute, si tratta di pochi grammi, c'è però un aspetto da tenere presente: quasi tutti i cibi che mangiamo sono già salati, a loro modo e in maniera naturale, ma noi ci siamo disabituati a percepire quel livello salino naturale, usando elementi chimici nella nostra alimentazione che ci hanno resi insensibili.

Il consiglio è quello di abolire tutti i cibi insaccati o costituiti da salamoia o industriali, ma poiché non è possibile sempre fare certe scelte, abbiate almeno l'accortezza di ridurne il consumo. L'altro problema riguarda la qualità del sale: il sale da cucina, quello che solitamente si usa per condire gli alimenti, è soltanto un lontano parente del sale naturale, si tratta solo di cloruro di sodio, ma senza tutti quei micronutrienti che lo hanno reso così importante e che, l'industria, cerca ogni anno di ricostruire immettendo nuove sostanze per renderlo più appetibile o caro ai clienti che lo usano.

Quasi tutta la produzione di sale è finalizzata all'uso industriale per questo viene purificato oltre natura e reso "sterile" per un uso equilibrato umano, perché non deve interferire con i processi chimico-meccanici industriali. Evitate quindi questo tipo di sale più dannoso che salutistico, bianco come neve e impoverito di preziose sostanze; preferite invece sali meno lavorati, come sale marino non trattato e sale proveniente da estrazione mineraria.

 

Ti potrebbe interessare leggere

vestiti per lo yoga

Negozio prodotti per lo yoga