Bambini malattie e wifi

Effetti sulla salute bambini wifi

Effetti onde wifi sulla salute dei bambini

Siamo a tutti gli effetti esposti alla vasta gamma di campi elettromagnetici ad alta frequenza: dai bambini agli anziani, gran parte dei quali non ha alcun interesse nelle comunicazioni mobili e questo causa ogni anno l'insorgere di nuove patologie spesso scambiate per origine virale o batterica quando invece le vere colpevoli sono le onde elettromagnetiche del wifi e delle onde radio che ci circondano.

Wifi onde elettromagnetiche dannose

L'esposizione alle onde elettromagnetiche wifi è estremamente pericolosa, specialmente per i bambini che usano i telefonini fin dalla più tenera età, senza controllo da parte dei genitori che usano i cellulari e le tecnologie collegate, come baby sitter che tolgano i pargoli di torno. Nel valutare il rischio dei campi elettromagnetici dei telefonini per i bambini, il problema principale è l'effetto diretto dei campi elettromagnetici sul cervello, l'organo critico per antonomasia. Dovremmo ricordare che il cervello del bambino sta ancora attraversando il processo di sviluppo fisiologico, oltretutto, usando i telefoni cellulari i bambini sono esposti ai campi elettromagnetici ogni giorno e per anni, con effetti non solo sul cervello ma anche sulle complesse strutture nervose dell'orecchio interno, responsabili del normale funzionamento dell'udito e degli analizzatori vestibolari.

Esaminiamo ora i principi fondamentali per la stima del rischio da campi elettromagnetici di microonde relativamente alla fascia di popolazione che usa più spesso gli attuali mezzi di comunicazione senza fili: i bambini e i giovani adulti. Per la prima volta nella nostra civiltà, i sistemi più critici dell'organismo umano, il cervello e le strutture nervose dell'orecchio interno, sono esposti a livelli complessi e ignoti di campi elettromagnetici.

Per motivi fisiologici, il cervello di un bambino presenta tassi di assorbimento specifico dei campi elettromagnetici più elevati rispetto al cervello dell'adulto, questo comporta che più compartimenti del cervello sono esposti ai campi ad alta frequenza, compresi quelli responsabili dello sviluppo intellettivo, cosa che spiega perché la maggior parte dei bambini presenti nelle società più industrializzate abbiano dimostrato di avere un certo ritardo mentale per certi versi superiore ai bambini che vivono in ambienti totalmente non interessati da queste onde alettromagnetiche, come potrebbero essere i giovani africani, dimostratesi più svegli nel risolvere situazioni di vitale importanza.

Recentemente, sono stati pubblicati dei dati circa l'influenza dei campi elettromagnetici sulla funzione cognitiva del cervello (Grigoriev, 2012b) inoltre, come dimostrato da Divan, Kheifets e Obel (2008), oggi non possibile trascurare il fatto che anche durante lo sviluppo embrionale il bambino può essere esposto a influssi elettromagnetici. E' inutile ribadire la posizione dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) per cui "i bambini sono diversi dagli adulti": "i bambini sono particolarmente vulnerabili. Durante la crescita e lo sviluppo, si verificano 'finestre di vulnerabilità', periodi in cui i loro organi e apparati possono essere particolarmente sensibili agli effetti di determinate minacce ambientali". (OMS 2013)

Purtroppo non si dispone di sufficienti dati scientifici e analisi esaustive sulle stime dei potenziali rischi della comunicazione mobile, nessuno conduce (come era da supporre visti i risvolti economici della cosa) indagini complete sui potenziali danni al cervello che possono verificarsi durante lo sviluppo (Markov, 2012), nnon esiste neppure uno studio sul potenziale sviluppo di mutamenti a lungo termine delle funzioni cerebrali nei bambini il cui cervello è stato esposto alla continua irradiazione da campi elettromagnetici ad alta frequenza, dunque bisognerebbe partire da zero.

Allo stesso tempo le agenzie internazionali e nazionali responsabili degli standard prendono tempo per consentire la crescita esponenziale delle tecnologie e, in linea di principio, trascurano completamente il rischio per i bambini. Oltre 10 anni fa a un meeting dall'OMS per l'armonizzazione degli standard, uno degli autori fece notare che trascurare i rischi dei campi elettromagnetici ad alta frequenza per i bambini si doveva considerare un crimine. A questo punto non voglio asserire che la tecnologia sia da aborrire assolutamente, poiché il progresso scientifico devono andare avanti, ma mi piacerebbe (penso anche a voi) che chi inventa o promuove certe tecnologie lo facesse nella maniera più consona per evitare malattie o disturbi anche gravi, cronici o meno, a coloro che li usano e non. Ma so che il mio desiderio rimane e rimarrà sempre inascoltato perché dietro a tutto c'è sempre e solo il vile denaro che la fa da padrone in un mondo di avidi che vivono sulle disgrazie altrui, comunque per lo meno ora siete correttamente informati: se lasciate i vostri figli in balia delle tecnologie poi non potrete lamentarvi per gli effetti deleteri che essi accuseranno con il passare degli anni.

Per altre informazioni sulle onde elettromagnetiche e il wifi potete leggere anche http://uomomedicina.it/blog-erbe/352-wifi-fa-ammalare-animali

 

 

 

Ti potrebbe interessare leggere

vestiti per lo yoga

Negozio prodotti per lo yoga