• Home
  • Blog
  • Contro la stitichezza: fiori di Senna

Allergie i falsi miti

Miti delle allergie

Miti allergologici

Spesso ci è stata inculcata una serie di false credenze relative alle allergie, ecco quindi una spiegazione della realtà che può rendersi utile in cao si sia allergici, per affrontare il periodo primaverile.

Miti sfatati sulle allergie

Starnuti, occhi rossi, prurito al naso, pelle irritata, se si soffre di allergia, la primavera diventa un purgatorio, purtroppo, oggi, un italiano su cinque, soffre di allergie e la situazione sta lentamente diffondendosi.

Roberto Perricone, direttore della Scuola di specializzazione in allergologia e immunologia clinica, all'Università di Roma Tor Vergata, asserisce che per colpa dello smog, ma anche di un eccesso di igiene nei primi anni di vita, cosa che può favorire le allergie, la globalizzazione che consente a nuovi pollini e abitudini diverse di trovare "nuove terre", gli stati allergici stanno aumentando, scatenando reazioni allergiche derivate da nuove molecole.

L'allergia è una reazione esagerata del corpo a una sostanza che viene scambiata per un nemico da distruggere, che si scatena nelle persone predisposte geneticamente. Spesso ci hanno detto che le allergie avevano una sorgente di un certo tipo ma non sempre, a quanto pare, le informazioni erano corrette, ma vediamole insieme:

1) I vaccini allergici sono inutili: sembra di no, anche se ho molti dubbi in proposito, perché i vaccini antiallergici vengono definiti l'unica terapia che può cambiare la situazione reattiva del corpo di chi ne soffre. Personalmente conosco dei rimedi naturali che usa il mio erborista che aiutano a stare lontani da questi vaccini, anche se, in mancanza di meglio aiutano comunque chi soffre di allergie.

2) L'allergia compare quando si è giovani: altra cosa sbagliata, anche personalmente ho potuto constatare che alcuni tipi di allergia mi sono scaturiti quando ormai avevo già passato i trent'anni. Le allergie sono collegate alle situazioniambientali (interne o sterne alla casa), quindi allo smog, al tipo di alimentazione, al grado di stress psicofisico, allo stato di salute dell'intesino, insomma, a molti fattori che devono essere valutati singolarmente caso per caso, ma non sono collegati all'età.

3) Dopo la pioggia, l'aria si libera dai pollini e ci si sente meglio: non è vero, perché anzi, la pioggia fa rompere i pollini che così possono entrare più in profondità nelle vie aeree, anche se la freschezza dell'aria può dare l'illusione che sia più pulita dopo un temporale.

4) Esiste l'allergia al pelo del gatto e del cane: no, in realtà le sostanze che provocano l'attacco allergico derivano da proteine che secernono i due tipi di animali quando si leccano il pelo o che vengono prodotte da ghiandole sebacee, sudoripare oltre che salivari.

5) Se in casa c'è un animale i bambini diventano allergici: anche questo è un falso mito da sfatare, al contrario, il fatto di venire esposti a certe sostanze legate al cane o al gatto fin da piccoli, può sviluppare delle resistenze alle allergie poiché induce una tolleranza al sistema immunitario verso possibili allergeni.

6) Contro gli acari della polvere basta tenere la casa pulita: non è vero, poiché un certo grado di igiene è utile a ridurre i sintomi allergici, ma non è sufficiente. Consigli utili per aiutare chi è allergico a pulire meglio casa o predisporla per non essere una raccolta di acari sono: non fumare in casa, non aprire le finestre nel momento di maggiore tasso di inquinamento da pollini (tra le 10 e le 16) e dopo i temporali, rivestite i cuscini in microfibra anti-acaro, non usate peluche, pulite i pavimenti con un aspirapolvere a filtro Hepa, eliminate moquette e tappeti.

7) L'orticaria è una allergia: no, nonostante in certi casi alcuni soggetti allergici possano sperimentare prurito intenso a contatto con certe sostanze alle quali sono allergici, l'orticaria può rappresentare l'espressione di diverse malattie.

8) Le allergie sono ereditarie: le allergie non sono malattie ereditarie ma multifattoriali, ecco che un soggetto nato in una famiglia dove uno dei genitori era allergico a qualche cosa, potrebbe sviluppare la stessa allergia ma non per colpa della genetica, bensì per lo stile di vita nel quale è nato e cresciuto.

9) Il raffreddore da fieno è innocuo: è la manifestazione più cmune quando si soffre di allergie e non è una problematica "innocua"; solitamente compare in primavera nei soggetti allergici, tuttavia se non adeguatamente trattato potrebbe sfociare in asma bronchiale.

10) Il fumo non influenza l'allergia: sbagliato, infatti il fumo di sigaretta è una delle sostanze più irritanti che stimola la risposat infiammatoria nelle allergie respiratorie, quindi può aggravare l'allergia.

11) Se soffri di allergie al lattice non si può usare il profilattico: non è vero perché esistono profilattici in materiale di poliuretano che garantiscono la stessa sicurezza e resistenza di quelli classici in lattice, ma senza causare gonfiore, arrossamenti e prurito.

12) L'igiene ossessiva serve a prevenire le allergie: al contrario, un eccesso di igiene può indurre il fisico a divenire allergico, infatti alcuni batteri presenti sulla pelle o nell'ambiente, sono utili.

13) Le allergie sono solo dannose: per quanto fastidiose, le allergie potrebbero proteggerci dal cancro e dalle malattie cardiovascolari, poiché le sentinelle del sistema immunitario sono più attive anche contro microbi, tossine e cellule cancerogene.

14) L'intolleranza al glutine è una allergia: sbagliato, perché l'intolleranza al glutine, nota come celiachia, deriva da una impossibilità di chi ne soffre di digerire correttamente il glutine dle frumento, il che provoca danni alla membrana dell'intestino. Non riguarda, come invece le allergie, una reazione sproporzionata o inutile del sistema immunitario contro un possibile aggressore.

15) L'intolleranza al lattosio è una allergia: anche in questo caso, come per la celiachia, non si tratta di allergia ma di impossibilità a digerire il lattosio, lo zucchero presente nel latte, dovuta a carenze enzimatiche dell'enzima della lattasi.

16) Le medicine alternative non sono efficaci contro le allergie: dipende da chi vi prescrive prodotti (ad esempio il vostro erborista o un medico naturopata), se sa cosa sta facendo o si tratta di un consiglio fallato. Come anche nella medicina allopatica (quella del vostro medico) ci sono medici/erboristi/naturopati bravi e meno bravi.

Comunque in certi casi e per certi soggeti, la cura naturale è da preferire mentre per altri solo una cura chimico-farmaceutica potrà apportare sollievo.

 

 

Ti potrebbe interessare leggere

vestiti per lo yoga

Negozio prodotti per lo yoga