Funghi allucinogeni curano il cervello

Funghi allucinogeni curano il cervello

Mushroom - funghi allucinogeni psilocibina

Da ricerche fresche di laboratorio, sembrerebbe che la psilocibina, sostanza allucinogena contenuta nei funghi usati per i viaggi sciamanici, riuscirebbe a ricostruire le cellule cerebrali oltre ad aumentare le facoltà cerebrali.

 

Scoperte mediche funghi allucinogeni

Li puoi conoscere come "funghi", "funghi magici", fungo psilocibina, o puoi non conoscerli tutti. Si tratta di una pianta naturale che, come la marijuana, è vietata dal governo degli Stati Uniti. Ma come la marijuana, questi funghi non possono essere pensati senza le loro proprietà mediche proprietà mediche.

Come la marijuana, che potrebbe meritare un posto sugli scaffali di medicina naturale per la sua capacità nel trattamento della depressione, nel curare la malattia mentale, e migliorare la cognizione - non certo nelle conoscenze della polizia.

Secondo una ricerca dell'Università del Sud della Florida, la psilocibina, il componente attivo all'interno dei funghi psichedelici, è in grado di far crescere nuove cellule cerebrali e potenzialmente offre un trattamento per la malattia mentale e il miglioramento cognitivo.

Lo studio, pubblicato sull'Experimental Brain Research, dice che la psilocibina è in grado di legarsi ai recettori speciali nel cervello che stimolano la guarigione e la crescita cellulare, in questo caso, delle cellule cerebrali. Nei topi, i ricercatori hanno provato la psilocibina per aiutare effettivamente le cellule cerebrali danneggiate nella riparazione e curare o alleviare PTSD (Post-traumatic stress disorder - "disordini da stress post traumatico) e la depressione.

A condurre il ricercatore, il dottor Juan R. Sanchez-Ramos, sono stati gli effetti testati della psilocibina nei topi, che prima della somministrazione, temevano di prendere la scossa non appena sentivano il rumore che ne ricordava gli effetti, mentre, dando loro la psilocibina, i topi erano in grado di fermare il rilascio di sostanze che attivava la reazione di spavento per un pericolo inesistente, il tutto molto più velocemente che non nei topi non trattati.

Il dottor Sanchez-Ramos afferma che "la psilocibina abbia un impatto positivo sulla cognizione e la neurogenesi dell'ippocampo, sia ampiamente dimostrato da prove che la serotonina agisca su specifici recettori 5-HT forse 5-HT2A, coinvolto nella regolazione della neurogenesi presente nell'ippocampo. Sia in vitro che in vivo è interessante esaminare come la psilocibina porti miglioramenti nella neurogenesi e miglioramenti verificabili di apprendimento."

Tutte le prove scientifiche dimostrano che una cura con questa sostanza adeguatamente equilibrata, potrebbe curare la depressione, aiutando la maggioranza dei pazienti, così come risulta anche da esperimenti in uno studio acconcio che ha dimostrato ottimi miglioramenti e un ritrovato benessere.

La psilocibina, è indicata come agente "nootropica" ovvero una sostanza che ha molte funzioni sul cervello migliorando la salute dell'ippocampo, che è una parte del cervello responsabile dell'apprendimento, oltre alla conversione della memoria a breve e lungo termine, quindi l'assunzione della psilocibina, porta ad avere un cervello più sano e pensieri nitidi in generale.

Purtroppo, la ricerca su questi funghi allucinogeni, per ora, è molto più ristretta rispetto alle ricerche effettuate sulla marijuana e i suoi effetti medicinali: poiché questi funghi causano allucinogeni, non si raccomanda in alcun modo l'uso fai-da-te, tuttavia questa pianta, proprio come la marijuana, non merita un posto nelle sostanze illegali, ma potrebbe forse in futuro essere la cura per molti disturbi anche cronici connessi al cervello e al suo deperimento.

FONTE:

http://naturalsociety.com/research-suggests-psychedelic-mushrooms-offer-valuable-brain-treatments/

 

Ti potrebbe interessare leggere

vestiti per lo yoga

Negozio prodotti per lo yoga