Gambe e caviglie gonfie

Gambe e caviglie gonfie cure

Curare gambe e caviglie gonfie

L'inverno è il periodo dell'anno in cui le donne sentono maggiormente l'insufficienza circolatoria delle estremità, ecco come affrontare il problema con i rimedi naturali, in special modo delle gambe e delle caviglie gonfie.

Curare gambe e caviglie gonfie

Il freddo è un vasocostrittore naturale che fa peggiorare tutti i problemi di cui soffriamo solitamente, in questo caso le donne sono sfortunate, poiché si trovano spesso a dover combattere i dolori e gli inestetismi di gambe e caviglie gonfie.

Nei disturbi della circolazione venosa un rimedio per eccellenza è il gemmoderivato del castagno (Castanea vesca), rimedio naturale da usare non solo quando le gambe si gonfiano per stasi venosa e le sentiamo pesanti, ma anche in caso di vene varicose, emorroidi e contro la cellulite.

Il gemmo-derivato del castagno è il drenante linfatico per eccellenza, che funziona ancora di più se associato con il Sorbo (Sorbus domestica)e con l'Ippocastano (Aesculus hippocastanus) indicato anch'essi nelle insufficienze venose, oppure si possono usare in alternanza.

Castagno contro gambe gonfie

In tutti i casi le informazioni che seguono sono indicative: per sicurezza chiedere al proprio erborista di fiducia o al proprio farmacista.

- Castagno: macerato glicerico 1D, 50 gocce 2 volte al giorno, se lo usate insieme ad altri gemmoterapici le dosi si riducono.

- Ippocastano: macerato glicerico 1D, (da solo) 50-150 gocce 2-3 volte al giorno, insieme ad altri gemmoterapici mai più di 70 gocce al giorno.

- Sorbo: Macerato glicerico 1D, 50-70 gocce 1-2- volte al giorno, prima dei pasti principali.

In caso di emorroidi, anche queste una spia di problemi inerenti all'insufficienza venosa, possiamo usare le gemme con una particolare posologia.

- Ippocastano + Sorbo : ippocastano macerato glicerico 1D, 50 gocce in acqua prima di colazione e cena. Sorbo macerato glicerico 1D, 50 gocce prima di pranzo.

Curare la cellulite

I rimedi principali sono ancora l'ippocastano e il castagno, ma si consiglia di potenziarne l'effetto associando eventualmente le gemme di altri alberi e la linfa di Betulla Bianca. La linfa di betulla è un potente diuretico e depurativo e viene usata stagionalmente anche da secoli, da alcune culture del nord Europa in primavera per depurare l'organismo usando la linfa di betulla fresca da assumere con la sua posologia.

- Ippocastano + Frassino + linfa di Betulla Bianca: Ippocastano gemme macerato glicerico 1D, 50 gocce prima di colazione e cena + Fraxinus excelsior gemme macerato glicerico 1D, 50 gocce prima di pranzo + Betulla verrucosa linfa, 50 gocce prima di andare a letto alla sera.

 

Ti potrebbe interessare leggere

vestiti per lo yoga

Negozio prodotti per lo yoga