Curare la febbre

Curare la febbre

Curare la febbre? Non è un nemico da combattere ma una forma di difesa dell’organismo.


Schema rimedi omeopatici febbre

La specie umana è sopravvissuta per secoli senza avere a disposizione paracetamolo e antibiotici quindi il corpo umano è stato in grado di difendersi. Con la febbre la temperatura corporea si alza e ciò può uccidere determinati microrganismi che ci hanno attaccato. Inoltre è una sirena che chiama a raccolta tutte le forze di difesa dell’organismo!

Ogni volta che compare la febbre sarebbe buona norma restare a letto o comunque a riposo. In questo modo possiamo usare tutte le energie per nostro sistema immunitario. Probabilmente guariremo prima e meglio!

Comunque è possibile trarre giovamento dalle cure naturali anche in caso di febbre. In questo modo asseconderemo il nostro organismo nella sua battaglia.
Quindi ricordiamoci è necessario il riposo, una buona idratazione (anche con tisane o succhi di frutta), pasti leggeri e spugnature fresche.

Queste ultime si possono fare con un asciugamano imbevuto di acqua fresca ed eventualmente aceto sulla fronte oppure sui polpacci e piedi. Per curare la febbre possiamo ricorrere anche all’omeopatia.

Se la febbre compare alta e improvvisa potremmo aiutarci con:

Aconitum 

Aconitum è il farmaco della febbre che arriva improvvisamente di notte. Abbiamo messo a letto il nostro bambino che stava bene ma durante la notte ci chiama e ci accorgiamo che scotta. Ha molta sete e vuole acqua fresca, non suda ed è agitato. In questo caso, se abbiamo in casa dell’Aconitum 9CH possiamo provare a dargliene 5 granuli ogni 10 minuti fino a quando non si abbassa la febbre. Ricordiamoci di questo farmaco anche quando ci troviamo di fronte ad una febbre che di notte ha dei picchi.

Belladonna 

Belladonna è il farmaco della febbre che arriva improvvisamente e che sale a “scalini”. E, se prendiamo come soggetto sempre il nostro bambino, avrà dei momenti in cui vuole il buio e la calma assoluti attorno a lui, alternati ad altri in cui fa i capricci, vuole vedere i cartoni ma poi non vanno bene quelli trasmessi in quel momento dalla tv ecc. Se vi portate nel letto questo bambino farete fatica a stargli vicino perché  irradia calore come una stufa. Inoltre suda molto ed ha molta sete. In questi casi vi consiglierei di dargli Belladonna 9CH, 5 granuli anche ogni mezz’ora. Oppure potete scioglierli in un po’ di acqua e farglieli bere a sorsi.

Naturalmente questi due grandi farmaci omeopatici sono utilissimi anche per gli adulti. Sicuramente queste modalità di febbre improvvisa sono più tipiche del bambino perché ha un sistema immunitario ancora molto giovane e reattivo. Quindi se ci viene un bel febbrone alto dobbiamo gioire: siamo giovani!!! Quando la febbre continua nei giorni può assumere delle caratteristiche diverse. E quindi possiamo trovare aiuto in altri medicinali.

Rhus Toxicodendron 

Rhus Tox lo usiamo quando la febbre arriva gradualmente, sentiamo dolori alle ossa e ai muscoli. Ci sentiamo mentalmente incapaci di intendere e volere, ma fisicamente non troviamo la posizione a letto, i dolori ci costringono a spostarci spesso. Sulla nostra pelle possono comparire chiazze rosse o anche bollicine. Rhus Tox è anche un grande rimedio per l’herpes. Se questi sono i nostri sintomi possiamo prendere Rhus Toxicodendron alla 9CH ogni due ore e poi diradiamo l’assunzione in base al miglioramento.

Bryonia 

Bryonia è per la febbre che dura da qualche giorno. Spesso ho anche una tosse secca stizzosa, che mi provoca dolore. La gola è secca ed ho sempre sete. Anche se la mia febbre non è molto alta io voglio stare fermo immobile nel letto, perché se mi muovo ho dolori a tutte le articolazioni. A volte ho un mal di testa frontale tremendo, che migliora se mi tengo la testa stretta. Questo è un farmaco molto utile anche nelle febbri reumatiche, soprattutto se si gonfiano le articolazioni. In questi casi consiglierei Bryonia 9CH, 5 granuli presi 4-5 volte al giorno.

Ferrum Phosporicum 

Ferrum phosporicum si usa per le febbricole che ti fanno sentire uno straccio. A volte questa condizione si instaura dopo una febbre più alta. Spesso sanguina il naso, o trovo del sangue nel catarro quando tossisco. A tutto questo si può accompagnare anche dolore ad un orecchio perché è presente molto catarro nella parte interna. Consiglierei il Ferrum Phosporicum alla 9CH, 5 granuli per 3 volte al giorno.

Eupatorium Perfoliatum 

Eupatorium perfoliatum lo uso quando ho la febbre con la sensazione di ossa rotte. La febbre può essere più o meno alta ma le ossa fanno male così come i bulbi oculari.

Gelsemium Sempervires 

Gelsemium Sempervirens lo utilizziamo quando la febbre è bassa ma lo stato generale è molto prostrato. Corrisponde allo stato di un tifoso di calcio che guarda la propria squadra perdere la finale ai rigori. In volto è rosso perché ha fatto il tifo ma è in uno stato stuporoso, incapace di muoversi e far parola. A volte è presente anche un mal di testa posteriore. Se i sintomi febbrili corrispondono a questi si potrebbe provare Gelsemium alla 15CH, 5 granuli per 3 volte al giorno.

Anas Barbarie 200K (Hepatis e Cordis)

Come abbiamo già detto nell’articolo sulla prevenzione delle malattie invernali, questo preparato attiva le naturali difese dell’organismo. Quindi in caso di febbre sarebbe opportuno prenderne 1 dose mattina e sera guarire più velocemente e soprattutto senza strascichi.

Rame Oro Argento

Questi tre oligoelementi (elementi in tracce presenti naturalmente nel nostro corpo) hanno la proprietà di ridare energia alle cellule. Quindi potrebbero essere usati sia durante la malattia, presi tre volte al giorno, che durante la convalescenza, presi tutte le mattine a digiuno. Gli oligoelementi normalmente si trovano in forma liquida. Si assumono direttamente in bocca e si aspetta circa un minuto prima di deglutire.

Dott. Manuela Succi - www.lacuranaturale.com

 

Ti potrebbe interessare leggere

vestiti per lo yoga

Negozio prodotti per lo yoga