Endometriosi: terapie ciclo mestruale doloroso
  • Home
  • Blog
  • Endometriosi: terapie ciclo mestruale doloroso

Endometriosi: terapie ciclo mestruale doloroso

Endometriosi cause e cure

Ciclo mestruale doloroso cause e terapie

Un problema che molte donne hanno: il ciclo mestruale doloroso ricorrente, problema femminile che prende il nome di endometriosi.

Ciclo doloroso ricorrente terapie

L’Endometriosi è la presenza di endometrio e stroma di endometrio al di fuori della cavità uterina in altre zone del corpo femminile, normalmente nella pelvi. Questa patologia sviluppa o può sviluppare molte problematiche legate al dolore come ciclo mestruale doloroso, colon irritabile, cistite ricorrente, stanchezza cronica, infertilità, dispareunia, dolore pelvico cronico. Tutti questi, sono segnali che indicano un problema di endometriosi.

Cos'è l'endometriosi

L'endometriosi è una malattia complessa, cronica e poco conosciuta, originata dalla presenza anomala del tessuto che riveste la parete interna all'utero, chiamato endometrio, in altri organi (ad esempio ovaie, tube, peritoneo, vagina, intestino e vescica).

L'endometriosi non è una malattia ormono-dipendente e tutti i mesi, sotto l'effetto del ciclo mestruale, il tessuto impiantato in sede anomala va incontro ad un sanguinamento interno: ciò dà origine a cisti, infiammazioni croniche degli organi nei quali si impiantano questi focolai, cicatrici, aderenze e, in alcuni casi, provoca, infertilità.

L'endometriosi è riscontrabile anche in sede intestinale e vescicale, sui legamenti utero-sacrali, nel setto retto-vaginale, sui legamenti utero-sacrali, e nelle tube. Nel caso di endometriosi vescicale i sintomi sono quelli tipici di infiammazione e cistite o anche incontinenza, senza che risultino infezioni batteriche o virali a carico della vescica. La loro ricorrenza ciclica è un elemento determinante per distinguere le cause.

L'endometriosi intestinale può dare sintomi che vengono spesso scambiati per il "colon irritabile" (crampi addominali, stitichezza alternata a diarrea, dolore alla defecazione) e la diagnosi è molto difficoltosa.

Sintomi endometriosi

L'endometriosi è spesso dolorosa (60% dei casi circa) fino ad essere invalidante con sintomi molto caratteristici: dolore pelvico cronico, soprattutto durante il ciclo mestruale o in concomitanza con lo stesso, dolore ovarico intermestruale, dolore all'evacuazione, dolore lombare. Ci sono anche altri sintomi non meno significativi, come dolore durante o dopo l'atto sessuale, infertilità, aborti spontanei, affaticamento cronico, periodi di stitichezza alternati a diarrea, talvolta l'endometriosi può essere asintomatica.

Cause endometriosa

Al momento non esiste una causa certa per l'endometriosi, e poiché questa patologia viene per lo più riscontrata in sede pelvica, una prima ipotesi potrebbe essere quella della mestruazione retrograda. Secondo questa teoria (e tale rimane al momento), durante la mestruazione, piccole parti di tessuto endometriale migrano in senso inverso nelle tube per poi impiantarsi nell'addome.

Secondo alcuni esperti la mestruazione retrograda è presente in tutte le donne, ma solo nelle donne affette da endometriosi, il tessuto endometriale riesce a radicarsi e a crescere. Sono inoltre in fase di studio le teorie riguardanti il contributo dato da fattori ambientali e dall'epigenetica, sullo sviluppo della malattia.

Come si diagnostica l'endometriosi

La capacità di diagnosticare l'endometriosi è strettamente correlata alla conoscenza del ginecologo nella cura della malattia. Per ricevere una diagnosi rapida e accurata delle localizzazioni della patologia, è fondamentale rivolgersi ad un centro specializzato dove l'esperienza dei professionisti coinvolti permette un corretto inquadramento della malattia attraverso la visita ginecologica e l'integrazione di altri esami diagnostici quali la risonanza magnetica, l'ecografia, clisma opaco, ca125 (esame specifico) e la laparoscopia.

Terapie contro endometriosi

Il tipo di terapia adatta va concordata con un centro specializzato in endometriosi e dipende dalla età della donna, dal grado di dolore, dal desiderio di maternità e dalla gravità delle lesioni (una lista adeguata potete trovarla sul sito apeonlus.it .

Al momento diverse sono le soluzioni per ridurre la sintomatologia dolorosa: esse vanno dalla pillola in continuo, alla menopausa farmacologica fino ad arrivare alla chirurgia, solitamente l'operazione viene effettuata tramite laparoscopia quindi meno invasiva del bisturi.

Anche l'alimentazione è di aiuto nel controllo del dolore, è importante diminuire l'assunzione di alimenti che possono favorire l'insorgenza dell'infiammazione e, quindi, del dolore quali ad esempio: carni rosse, zuccheri semplici, latticini, farine raffinate, eccetera. Si deve invece introdurre creali integrali e molta verdura.

Una delle associazioni specializzate nella prevenzione dell'endometriosi e delle terapie dedicate a questo disturbo invalidante, è l'A.P.E. , associazione nata per aiutare le donne che soffrono di questo problema, e che potete trovare sul sito www.apeonlus.it .

 

 

 

Ti potrebbe interessare leggere