Cristalli Pulire Energizzare Attivare

Purificare pietre cristalloterapia

cristalli vari

Pietre cristalli cristalloterapia

Spesso sento molte persone che hanno le idee un po' confuse su come si debbano comportare con cristalli o pietre dure appena acquistate, per poi usarle nei trattamenti personali o ad altre persone (se si tratta di terapeuti di cristalloterapia), quindi ho deciso di preparare questo scritto così da coprire queste lacune che spesso indicano tecniche di pulizia che possono danneggiare i cristalli invece di aiutarli. Per prima cosa sconsiglio vivamente di usare il sale per la pulizia energetica dei cristalli poiché, molti di essi, avendo molta acqua, possono perdere lucentezza con questo sistema, seccandosi, giacché il sale attira l'umidità dell'ambiente ma anche delle pietre. Alcuni consigliano l'uso dell'argilla al posto del sale, il che mi sento di consigliarlo poiché è a basso costo, non è inquinante (come invece lo potrebbe diventare un uso massiccio di sale), risulta essere molto naturale per moltissime pietre e cristalli giacché diverse di loro crescono spesso nell'argilla o in strati argillosi antichi, è sempre bene però non lasciale troppo a lungo poggiate o, anche, immerse nell'argilla.

Alcuni metodi per la purificazione di pietre o cristalli consigliano di sotterrare nella terra del giardino o di un vaso (peggio che peggio), spesso ai piedi di un albero, le pietre, senza però pensare che l'acidità di certi tipi di terreno può rovinarle, almeno a livello estetico e di lucentezza, ma se non avete problemi in questo potete anche usare tale sistema, cosa differente se le pietre sono montate su metallo, in questo caso non andranno seppellite, né si potrà usare il sale (che mangerà il metallo o lo macchierà) ma si potrà usare l'argilla.

Se le pietre sono montate su metallo (argento, oro, altro) consiglio di lavarle solamente sotto acqua fredda corrente senza usare sostanze chimiche di nessun tipo (ho sentito qualcuno che consiglia l'uso di dentifricio.... non dico nulla.... ). Alcune pietre dovrebbero essere immerse solo in acqua (come opale, giada, eccetera) perché possiedono molta acqua che, sia la terra, sia l'argilla, tanto più il sale, rovinerebbero seccandole. Il sistema più sicuro per pulire energeticamente pietre e cristalli è un lavaggio in abbondante acqua fredda corrente, mai calda, sfregando delicatamente per poi, se si è in grado, usare una tecnica energetica Reiki o di Pranic Healing, per la pulizia più profonda a livello energetico. Nel caso si pratichino sistemi esoterici o si appartenga alla corrente della Wicca, si può usare un rituale con i quattro elementi occulti (Terra, Acqua, Fuoco e vento) per la purificazione, terminando con una benedizione generica per caricare di energia la pietra in questione. Insomma, come vedete esistono vari modi di purificare energeticamente pietre e cristalli, starà solo a voi decidere quale usare.

Metodo dell'argilla:

Prendete un vassoio (non di metallo) o un contenitore della grandezza adeguata, a seconda di quante pietre e della loro grandezza, che vorrete purificare. Prendete i cristalli e posizionateli nel recipiente, lasciandole 3 ore nell'argilla che vi avrete cosparso sopra, poi togliete e sciacquate sotto acqua fredda corrente: l'argilla verrà gettata via (vi consiglio di gettare alle piante l'argilla usata così farete un'opera buona e non sprecherete del materiale ancora utile alle piante.

Metodo Reiki:

Dopo aver lavato sotto getto di acqua fredda i cristalli, prendeteli uno alla volta tra le mani messe a coppa e proiettate mentalmente, dopo la centratura iniziale, il simbolo Sei-He-Ki simbolo sei he ki reikinelle pietre recitando il nome del simbolo per tre o più volte, poi fate la stessa cosa con il simbolo Cho-Ku-Rei e infine ancora con simbolo Sei- He-Ki. simbolo cho ku rei reikiQuando sentirete interiormente che la pietra è pulita passate a quella dopo se ne avete altre, così via. Si può anche passare tutte le pietre insieme tenendole in un vassoio, sempre non di metallo, anche se è sempre preferibile passare una pietra alla volta.

 

 

Metodo Pranic Healing:

Prendete la pietra nella mano sinistra e usate la destra per proiettare energia di colore viola elettrico con l'intento di purificarla da ogni negatività, da ogni male e da tutte le impronte energetiche. Quando percepirete che la pietra è pulita riponetela e passate a un altra se ne avete.

Ricaricare cristalli e pietre:

piramide portatile con cristalli

Per caricare le pietre quando sono state un po' troppo “sfruttate” è bene pensare a lasciarle riposare (anche voi riposate), si possono usare sistemi come la ricarica sotto piramide egizia, lasciandole per una notte o sette giorni a seconda di quanto siano esauste, sempre orientando la piramide sull'asse nord/sud. Oppure si possono esporre le pietre alla luce del sole (mai direttamente) o sotto quella lunare nel periodo di luna crescente, o ancora sempre usando il Reiki, in questo caso si userà solamente il simbolo Cho-Ku-Rei per poi riporre la/le pietra/e in luogo buio e fresco a riposare per 28 giorni cominciando dalla luna calante per finire con la luna piena. Se si usa il Pranic healing si può proiettare luce dorata sulle pietre e poi usare una luce nocciola chiaro collegandosi mentre si proietta al chakra base così da caricarle di energia della terra, infine le si lascia per una settimana o un mese, a seconda del grado di esaurimento delle pietre, a riposare al buio e al fresco.

Se non si ha tempo o non si conoscono questi sistemi energetici si può optare per una drusa di ametista che, usata ponendovi sopra i cristalli e lasciandoveli per una settimana, li pulirà e riarmonizzerà tramite le vibrazioni energetiche risonanti di cui è dotata. Come avete visto i sistemi per pulire, armonizzare e caricare le pietre sono veramente tanti e ancora ce ne sarebbero ma questi sono quelli più semplici spero possano servirvi.

 

Ti potrebbe interessare leggere

vestiti per lo yoga

Negozio prodotti per lo yoga