Achillea Millefolium

achillea millefolium pianta

Pianta Achillea

 

Achillea millefolium

Descrizione: possiede un fusto slanciato e resistente, le foglie sono finemente impennate, lunghe, assai frastagliata in segmenti lineari acuti. I capolini fiorali, di colore bianco e rosato, sono piccoli e riuniti in vistosi corimbi. La fioritura avviene in primavera-estate. La pianta è alta 50-60 cm.

Habitat: l'achillea ha spesso carattere infestante, e diffuso dal monte al piano, nei prati, lungo i sentieri, negli incolti: in Italia si rinviene assai frequentemente.

Raccolta: si utilizzano le sommità fiorite che vengono fatte essiccare il luogo ombroso dopo averle allegati mazzetti lenti e appesi raccolta avviene in estate durante la fioritura.

Avvertenze: evitate di esporre ai raggi solari la pelle bagnata da succo della pianta.

L'achillea è detta anche millefiori, erba pennina, ortica del diavolo ed è facilmente riconoscibile per i caratteristici capolini bianchi e rosacei.

Possiede diverse proprietà salutari: l'achillea, propriamente, si impiega nei disturbi genitali femminili (mestruazioni irregolari, ansia da menopausa), nei disturbi digestivi, nei casi di perdite sanguigne causate da emorroidi e ferite.

Nei problemi di circolazione si utilizza l'infuso preparato lasciando a riposo un cucchiaino di sommità fiorite essiccate in 250 ml d'acqua per qualche minuto 15 filtra e se ne consumano due tazze al giorno. Nel caso di varici, prendere dell'infuso preparato ponendo riposare 25 g di sommità in 1 l d'acqua per 10 minuti.

Trascorso questo tempo si filtra e se ne consumano due tazze al giorno. Per uso esterno in caso di ulcere e ferite, si impiega la spremitura degli apici freschi. Questo viene messo in infusione nella misura di 5 g di succo per mezzo litro d'acqua e quindi si deterge la parte dolente.

L'achillea ha un sapore amarognolo che la rende poco gradito in cucina, più spesso a nella preparazione di impacchi di bellezza il suo utilizzo più esteso. Secondo la tradizione le proprietà cicatrizzanti dell'achillea sono state scoperte da Achille, il celebre eroe greco.

Per questo la utilizzava per curare le ferite riportate nelle numerose battaglie che lo videro protagonista. In realtà questa magica prerogativa dell'erba va assai ridimensionata, fermo restando le sue proprietà cicatrizzanti nei confronti delle piccole ferite.

 

Ti potrebbe interessare leggere

vestiti per lo yoga

Negozio prodotti per lo yoga