Calendula

fiore calendula officinalis

Fiore di calendula officinalis

Calendula

Descrizione: ha radice fittonante, fusto ramificato. La pianta è ricoperta da peluria, le foglie sono lanceolate con margine intero o leggermente dentato, i fiori sono dei topolini con colore variabile dal giallo all'arancione. La fioritura avviene in primavera-estate, la pianta può raggiungere 50 cm d'altezza.

Habitat: la calendula ha un'origine incerta, si rinviene allo stato selvatico nell'Italia meridionale. Alcune varietà sono coltivate nei giardini.

Raccolta: si utilizzano i fiori che possono essere raccolti a seconda della varietà dalla primavera all'autunno. L'essiccazione deve avvenire in maniera rapida così da non perdere il potere medicinale.

Tra le molte proprietà che vengono attribuiti alla calendula, alcuni studiosi riconoscono anche di combattere quella di tanti cancerogeni, in particolar modo per quanto concerne le cancerosi gastriche e uterine. La polvere ottenuta per triturazione dei suoi fiori essiccati e un buon rimedio contro l'ulcera, mentre i fiori raccolti ancora in bocciolo, possono essere conservati alla maniera dei sottaceti e consumati come tali.

piante di calendula

piante di calendula

Volgarmente chiamata fioraccio, calta, garofano di Spagna, la calendula è pianta comune dei giardini, sovente infestante nel meridione. Il profumo dei suoi fiori e gradevole all'inizio della fioritura ma sgradevole a fioritura avanzata. I fiori di un colore giallo aranciato assai appariscenti, indicano ai contadini il tempo che farà in giornata: se al mattino rimangono chiusi, probabilmente pioverà.

Le proprietà medicinali della cadendula sono molteplici: antisettiche, diuretiche, cicatrizzanti, sudorifere, depurative. Per combattere il catarro, la tosse, la febbre e le malattie influenzali si utilizza l'decotto. In tal caso si fa bollire un cucchiaino di fiori essiccati per qualche attimo i 250 ml d'acqua e si lascia riposare per 10 minuti. Dopo aver filtrato se ne consumano due tazze al giorno a digiuno.

Come cicatrizzante la cadendula viene impiegata nelle scottature, negli eritemi, nelle emorroidi, nelle screpolature e arrossamenti della pelle, contro le micosi. In questi casi si può applicare direttamente il succo dei fiori e delle foglie sulla parte interessata, oppure si può preparare una pomata mettendo 10 g di Spezia in 50 ml di olio di oliva e lasciando macerare in tutto in un vaso di vetro chiuso per cinque giorni, curando di esporre al sole e rimestare di tanto in tanto. L'olio così ottenuto si applica sulla parte interessata dopo averlo filtrato dai fiori che vi erano stati posti.

 

 

Ti potrebbe interessare leggere

vestiti per lo yoga

Negozio prodotti per lo yoga