Tosse rimedi dalla natura

Tosse cure naturali rimedi erboristici

Tosse polmonite cure mediche

Curare la tosse con le erbe

La tosse è un disturbo molto diffuso che può essere legato a diversi malanni invernali, che possono riguardare sia le alte vie respiratorie sia quelle basse: come succede per molte reazioni del corpo, come per esempio la febbre o la produzione di muco, la tosse rappresenta un meccanismo di difesa che ha la funzione di rimuovere corpi estranei o secrezioni dalle vie aeree.

Si tratta di una azione semivolontaria che viene stimolata dall'irritazione di alcuni recettori situati nella laringe, nella trachea e nei bronchi, che infiamma la mucosa respiratoria e impegna tutta la muscolatura dell'apparato. Il ciclo di un colpo di tosse è composto da tre fasi: laprima è quella inspiratoria, la seconda è, invece, una espirazione violenta e forzata a glottide chiusa e la terza, che segue immediatamente, è la fase espulsiva con riapertura della glottide attraverso la quale esce un rapido flusso di aria. Questo fenomeno provoca il caratteristico rumore della tosse che è dovuto alla vibrazione delle corde vocali.

Tosse grassa o secca:

La tosse può essere di diversi tipi, ma la prima distinzione da fare è tra quella grassa e quella secca: la prima viene chiamata anche "produttiva" per via delle abbondanti secrezioni di muco che si formano nella parte alta dei polmoni e che con questa azione vengono man mano spinte fuori, ciò permette all'apparato respiratorio di pulirsi di tutte le sostanze estranee, compresi virus e batteri che sono imprigionati nel muco. Per questo motivo anche se a volte può spaventare il suono che genera, la tosse grassa è benefica e non va trattenuta né ostacolata, anzi l'espettorazione di catarro è una azione che favorisce la guarigione. La tosse secca, invece, viene chiamata anche "improduttiva" proprio perché non è accompagnata da muco e si riconosce per il suono diverso e perché non si ha la sensazione di smuovere il catarro in gola.

La tosse può essere scatenata da diversi fattori a partire dalle infezioni di virus e batteri, responsabili della maggior parte dei malanni invernali, anche se a dire la verità noi siamo sempre immersi in virus e batteri mentre è la forza del nostro sistema immunitario a risultare fiacca quando ci ammaliamo, quindi invece di correre ai ripari solo quando i problemi cominciano a palesarsi, sarebbe più opportuno aver cura di alimentarsi e muoversi in maniera naturale, cercando di stressare meno possibile il sistema immunitario.

La tosse può essere anche provocata dall'inalazione di sostanze irritanti (fumo, solventi, colle, ammoniaca, polveri sottili) o che provocano allergie. Ci sono poi motivi banali che possono suscitare la tosse come quello indotto da cibo, bevande o anche solo dalla saliva quando "va di traverso" e più gravi come nel caso dell'insufficienza cardiaca o delle neoplasie della faringe, della laringe, dei bronchi o dei polmoni. A volte è difficile riconoscerne la natura, ma alcune forme di tosse hanno caratteristiche proprie che possono far propendere per alcune cause, escludendone altre. Quando la tosse, per esempio, è spasmodica, toglie il fiato ed è stizzosa potrebbe essere di natura allergica o dovuta a sostanze irritanti; se invece la tosse è soffocante e ogni volta che si inspira emette una sorta di fischio potrebbe essere dovuta a una infiammazione della laringe dove sono situate anche le corde vocali, per questo motivo spesso si accompagna anche a un abbassamento o una distorsione della voce.

A volte invece prima di tossire si avverte un'insopportabile pizzicore alla gola e potrebbe trattarsi, in questo caso, di una infiammazione della trachea, della faringe o dei bronchi. Naturalmente queste sono indicazioni generali che non devono sostituire la diagnosi del medico, ma anzi possono aiutare nello spiegare al proprio dottore il tipo di tosse di cui si soffre fornendogli dati utili anche per scegliere la cura migliore.

Quando la tosse non passa in una o due settimane si potrebbe trattare di uno stato cronico, ciò avviene perché le mucose continuano a essere infiammate e spesso capita a chi inspira sostanze irritanti, prima tra tutte il fumo, da qui il nome di "tosse del fumatore", ma potrebbe essere dovuta anche a diverse malattie come la bronchite cronica, i disturbi rinosinusali (soprattutto se il muco cola in gola), l'asma bronchiale e le sindromi asmatiche. Anche il reflusso gastroesofageo o l'uso di farmaci Ace-inibitori potrebbero provocarla.

Se la tosse nasce da un disagio psicologico:

A volte la tosse può non essere dovuta ad alcun malanno o disturbo fisico, bensì a motivazioni psicologiche e in questi casi viene detta "tosse isterica". Più rara negli adulti, di solito la tosse isterica si manifesta nei bambini e negli adolescenti che in questo modo cercano di attirare l'attenzione dei genitori o di esprimere un disagio difficile da comunicare a parole. Di solito si pensa a questo tipo di tosse se, scluse le cause comuni, si nota che il bambino non tossisce mai se è in compagnia di un genitore o di notte quando dorme.

Come si trasmette la tosse:

Soltanto la tosse dovuta a infezioni batteriche o virali può essere trasmessa e il contagio avviene per via aerea come per la maggior parte delle malattie di questo tipo: la tosse cronica, invece, normalmente non si trasmette, tuttavia si possono "passare" alle persone vicine i virus e i batteri, che spesso colpiscono le vie aeree già infiammate dei malati cronici.

Quando chiamare il medico:

Se la tosse dura per lunghi periodi di tempo, peggiora, si accompagna alla difficoltà a respirare, a rigonfiamenti delle vene del collo, il colorito delle labbra e della bocca assume un colore bluastro o scuro, la tosse si presenta con attacchi di asma e continui episodi di febbre è meglio consultare il proprio medico di famiglia. In particolare và tenuta sotto controllo la tosse cronica, soprattutto se non si ottengono migliormaneti con le cure e si avverte un malessere generale, in questi casi oltre a una visita specialistica potrebbe rendersi necessaria una radiografia perché si potrebbe trattare di bronchite cronica, infezioni polmonari, allergie o neoplasie.

Rimedi per la tosse meno grave:

Prima di tutto la cosa più saggia da fare è capire da dove nasce la tosse, cosa la provoca in sostanza, osservando quando si acutizza, se la tosse sia grassa o secca, se si accompagna ad altri sintomi, se la tosse compare solo ad alcuni orari o in detrminati posti. In presenza di tosse o altri sintomi respiratori, cercate di eliminare dalla dieta gli alimenti che portano alla formazione di muco, soprattutto i cibi caseari e i fritti.

Per fluidificare il muco e renderne più facile l'espulsione dall'organismo, bevete molti liquidi, preferibilmente a temperatura ambiente o tiepidi. Le capsule di vitamina C derivate magari dalla rosa canina, hanno proprietà antinfiammatorie, antisettiche e lenitive della gola infiammata, potete assumerne come integratori alimentari 1-2 al massimo al giorno. Per migliorare la risposta immunitaria e ridurre il processo infiammatorio e l'infezione, provate ad assumere un integratore di zinco in capsule, possibilmente privo di zucchero. Prendete una capsula, da una a tre volte al giorno, a seconda delle vostre esigenze: se lo zinco determina disturbi gastrici, assumetelo durante i pasti.

La liquirizia possiede proprietà antinfiammatorie, allevia il mal di gola, lenisce l'irritazione del tratto respiratorio e per di più ha un sapore gradevole, preparate un infuso e prendetene una tazza, per tre volte al giorno, per un massimo di 5 giorni. Attenzione: poiché la liquirizia ha anche la facoltà di aumentare la pressione pressoria, è vietata categoricamente per coloro che soffrono di ipertensione o hanno difficioltà a dormire, evitate di assumere anche la tisana alla sera e si vi dà problemi a riposare bene, diminuite la dose consigliata.

La radice di altea e la corteccia di olmo possono essere molto utili in caso di otsse secca in quanto hanno la capacità di lenire l'irritazione della gola e del tratto respiratorio. Preparate un infuso con entrambe le erbe, prendetene una tazza tre volte al giorno, per più di 5 giorni. Un infuso di salvia e timo può essere utile per liberare i polmoni dal muco; assumetene una tazza ogni giorno per due giorni. Se la tosse è aggravata dalla stipsi potete assumere un quarto di tazza di succo di aloe vera, tre volte al giorno, fino a miglioramento del quadro clinico.

Nella categoria tosse rientrano anche la bronchite e la polmonite che però non tratterò perché è necessario in questi casi nettamente più gravi, che sia un medico o del personale autorizzato e ben preparato ad aiutare il malato, a decidere la tipologia di cura migliore a seconda dei casi, affrontare con il "fai da te" queste malattie, può mettere in pericolo la vita della persona, mentre cercare di aiutarsi con alcune cure leggere di origine naturale per la tosse normale, non arreca nessun danno, tranne che non ci si incaponisca a rincorrere una cura che si dimostra inefficace dopo una settimana, il che potrebbe far cadere la persona dalla padella nella brace, con conseguente peggioramento dei sintomi e della situazione generale del paziente, invito quindi a chiedere sempre al proprio medico se si possa o meno scegliere la strada della medicina naturale o non sia forse il caso di usare direttamente i sistemi della medicina allopatica.

Per altri preparati fitoterapici potete leggere anche Cure per la tosse.

 

 

 

vestiti per lo yoga

Negozio prodotti per lo yoga