Digestione difficile lenta

Digestione problemi cure naturali


La digestione lenta e difficile è un problema molto diffuso: le cause più comuni son la scarsa secrezione di enzimi digestivi o la ridotta funzionalità del fegato, la pianta giusta ha un sapore amaro e si chiama Imperatoria. Il vivere frenetico e la tensione nervosa, di solito, hanno come conseguenza una ipersecrezione di succhi gastrici, capita però di soffrire di cattiva digestione per il motivocontrario, cioè a causa di una ridotta produzione di enzimi digestivi e talvolta anche per la scarsa secrezione della bile. La sonnolenza postprandiale è tra i sintomipiù comuni dell'insufficiente produzione di succhi gastrici, ma comprendere le cause di una cattiva digestione non è sempre facile. Il parere del medico è come sempre indispensabile, purché si abbia un buon medico, specie nei casi persistenti in cui sia necessario eseguire esami diagnostici, mentre i casi saltuari possono essere curati direttamente con mezzi naturali, un controllo adeguato dell'alimentazione corretta e un pò di movimento ogni giorno. Per risolvere disturbi digestivi lievi e passeggeri si può ricorrere a una pianta che appartiene al gruppo delle piante "amare".

Imperatoria (Peucedanum Ostruthium)

E' una pianta poco conosciuta ma largamente usata nella preparazione industriale e artigianale dei liquori: amari, digestivi e aperitivi, la sua radice è ricca di oli essenziali e di principi attivi utili per stimolare le funzioni gastriche. Ecco perché viene consigliata sia per risvegliare l'appetito sia per favorire la digestione. Con la radice essiccata di Imperatoria, si prepara un DECOTTO scondo il metodo tradizionale e cioè facendo sobbollire un cucchiaio di radice, ridotta in taglio tisana, in una tazza di acqua bollente per quindici minuti, per poi filtrare. Si beve la tisana dopo i pasti principali per favorire la digestione. Di gusto più gradevole è la miscela da farsi preparare dall'erborista, composta, oltre che dall'Imperatoria, da piante ugualmente aperitive e digestive, ma dal sapore e dal profumo più gradevoli. Si pone sul fondo della teiera un cucchiaio di miscela, si versa una tazza di acqua bollentee si lascia in infusione per quindici minuti, per poi filtrare. Sorseggiata prima dei pasti, la tisana stimola i succhi gastrici e quindi agisce da aperitivo; bevuta dopo aver mangiato, facilità la digestione e attenua gli eventuali spasmi addominali.

Infuso della buona digestione

Imperatoria radice tritata       grammi 40
Limone scorze tritate           grammi 20
Arancio amaro scorze tritate grammi 20
Verbena odorosa foglie        grammi 20

Sorbetto all'elicriso:


Con i fiori di elicriso si prepara un delizioso sorbetto digestivo, da servire come dessert al posto del gelato: dapprima si prepara l'infuso, versando mezzo litro di acqua bollente su due cucchiai di miscela e lasciando riposare per quindici minuti prima di filtrare. Si mette a raffreddare in una caraffa e, nel frattempo, si fa lo sciroppo. Quando è freddo, si unisce all'infuso di piante, quindi si versa il tutto nella gelatiera, si miscela e, una volta pronto, si mette a rassodare nel freezer. Il sorbetto si toglie dal congelatore al momento di servirlo, versandolo in coppe fredde.

Per la tisana del sorbetto
Elicriso sommità tritate grammi 40
Finocchio frutti grammi 40
Lavanda fiori grammi 20

Per lo sciroppo:
Zucchero grammi 350
Acqua ml 350

Talvolta succede di non avere tempo per fare una tisana, in questi casi, può essere utile preparare in anticipo un liquore digestivo, da prendere dopo i pasti, soprattutto quelli serali. L'ingrediente principale, in questo caso, è la verbena odorosa, che aiuta la digestione perché esercita una blanda azione antispasmodica sulle pareti dello stomaco. Il liquore si prepara mettendo a macerare le foglie e l'alcol in un vaso di vetro munito di tappo ermetico. Dopo una settimana si filtra il liquido e si aggiunge lo sciroppo di zucchero. Il liquore si conserva in una bottiglia di vetro scuro ben chiusa, se ne beve un bicchierino, puro o diluito con poca acqua, dopo i pasti.

Ricetta elisir:

Tintura
Verbena odorosa 10 foglie fresche
Alcol etilico a 60° ml 500

Per lo sciroppo
Zucchero grammi 250
Acqua grammi 250

Enolito Stimolante della digestione:


Per stimolare la produzione di succhi gastrici, favorire la digestione e ridurre la sensazione di sonnolenza dopo i pasti, si può ricorrere a un enolito a base di Imperatoria: si prepara mettendo a macerare in una bottiglia di vetro scuro 20 grammi di radice di imperatoria con mezzo litro di vino rosso robusto, oppure vino di Pantelleria, dopo una settimana si filtra su carta e si travasa in bottiglia. Se ne beve un bicchierino prima dei pasti principali; per rendere più gradevole il sapore decisamente amaro dell'enolito, lo si può diluire con poca acqua, oppure addolcire con miele.

 

Ti potrebbe interessare leggere

vestiti per lo yoga

Negozio prodotti per lo yoga