Cure disintossicanti

Disintossicare il corpo tisane

Per aiutare l'organismo a eliminare tossine e per recuperare forze, è spesso utile sottoporsi a una salutare cura disintossicante e depurativa: è in primavera che si avverte più intenso il desiderio di depurare l'organismo stimolando le funzioni del fegato e dell'intestino.

Non a caso si sente una maggiore necessità di trascorrere più tempo all'aria aperta, di nutrirsi in modo diverso, consumando più frutta e verdura e riducendo grassi e proteine nell'alimentazione, ma anche durante altri mesi, soprattutto al cambio delle stagioni, può essere necessario dare nuova energia all'organismo, favorendo una generale disintossicazione. In questi casi, si trova un valido aiuto nelle piante che svolgono questa preziosa azione. Fra queste, il tarassaco, grazie ai suoi principi attivi, è il più indicato.

Tarassaco (Taraxacum officinale)

L'impiego in insalata delle foglie fresche di tarassaco, purtroppo disponibili solo in primavera, costituisce già un buon trattamento depurativo, valido quanto quello ottenuto con la radice, che si usa in forme essiccate ed è quindi reperibile nell'arco dell'intero anno. la radice ha ottime proprietà coleretiche, colagoghe e diuretiche e svolge quindi un'efficace azione detossicante dell'organismo in senso generale. Un decotto depurante è un rimedio assai utile tutte le volte che si sente la necessità di fare una cura adatta per eliminare le tossine.

Si utilizzano le radici di quattro piante (essiccate e ridotte in piccoli frammenti affinché sia più facile il passaggio dei principi attivi nell'acqua) che sono le classiche piante depurative. Il decotto si prepara in una sola volta, aggiungendo l'intera miscela a un litro di acqua e lasciando bollire il tutto per quindici minuti. Si filtra quindi il liquido in una caraffa e lo si lascia raffreddare. La tisana si beve a tazze, nell'arco della giornata, se il sapore della bevanda fosse troppo amaro, si può addolcire con uno o due cucchiai di miele (non usare lo zucchero).

Tisana depurante

Tarassaco radice tritata     grammi 30
Salsapariglia radice tritata grammi 30
Bardana radice tritata        grammi 20
Gramigna radice tritata      grammi 20

Le foglie di tarassaco fresche sono commestibili, ma purtroppo si trovano solo per poche settimane all'anno in primavera, inoltre non le troverete in vendita nei mercati, dovrete andarle a raccogliere voi. In questo periodo, sono consigliate le insalate di foglie fresche dalle buone proprietà depurative e vitaminiche, per addolcire il sapore decisamente amaro, si possono aggiungere anche le foglie di soncino e rucola, dadini di pane abbrustolito e uno spicchio di aglio fresco tagliato a fettine sottili.

Chi ha poco tempo per la preparazione giornaliera delle tisane depurative, può ricorrere a un enolito ricavato dalle foglie di carciofo, altro depurativo del fegato, che hanno una spiccata azione protettiva nei confronti del fegato. Per prepararlo occorrono 30 grammi di foglie fresche di carciofo e un litro di moscato passito di Pantelleria o di vino Marsala. L'enolito si preparasecondo il metodo indicato anche nella sezione dei vini medicinali, lasciando a macerare le foglie nel vino, al buio, per 15 giorni, poi si filtra e si tiene il vino che verrà travasato in una bottiglia di vetro scuro e tenuto al fresco. la cura che deve durare un mese, consiste nel bere un bicchierino di vino al carciofo prima o dopo i pasti principali quindi due volte al giorno.

 

 

Ti potrebbe interessare leggere

vestiti per lo yoga

Negozio prodotti per lo yoga