Recupero dell'Anima

Il Recupero dell'Anima sciamanesimo

La perdita dell'anima è un danno per l'essenza vitale di una persona e spesso avviene in risposta a traumi di vario genere. In molte culture, il recupero dell'anima viene visto come una guarigione necessaria, effettuata entro i tre giorni dal trauma o di un evento della vita che ha causato uno shock interiore importante, come ad esempio un parto, la morte di una persona cara, un incidente o un incontro violento.

medicina sciamanica recuperare anima

Sciamanesimo recuperare anima

 

A volte accade che oggi ci rompiamo la mascella in un incidente e, dopo le cure del caso, ci troviamo dopo mesi a non capire perché ci si senta depressi o persi, senza pensare che il trauma non sia stato mai superato correttamente o che abbia in effetti lasciato cicatrici anche dove non avrebbe dovuto. Dal punto di vista sciamanico, una delle principali cause di malattia o della depressione riguarda la perdita di una parte della propria anima intesa come parte equilibrata del Sé interiore.

Nella medicina occidentale, la perdita dell'anima può essere paragonata alla dissociazione. La perdita dell'anima o la dissociazione, possono verificarsi quando c'è un evento traumatico, ( a morte di una persona cara, abuso fisico o sessuale, evento chirungico, malattie, dipendenze, esperienze di guerra, eccetera) o una minaccia per la propria psiche (umiliazioni, stress estremo o paura).

Alcuni segni della perdita dell'anima possono includere:
Una sensazione che manchi qualcosa
Le lacune nella memoria
Depressione
Malattie croniche
Senso di smarrimento o vuoto
Un senso che "non sono stato più lo stesso ..."
Difficoltà a rimanere presenti nel corpo
Dipendenza affettiva
Dipendenza generale magari da sostanze
Una sensazione di essere solo osservatori della vita piuttosto che partecipanti attivi.

In una cerimonia per il recupero dell'anima, l'essenza mancante dell'anima, viene cercata e chiamata perché torni "a casa". Un viaggio sciamanico viene intrapreso per recuperare l'essenza della persona spesso creando una storia letterale o mitica per spiegare il perché l'anima se ne fosse andata per poi ottenenrne il ritorno, dopodiché l'essenza viene restituita al leggittimo proprietario. Ma dove và l'anima che si perde? Poiché l'anima vuole preservare sé stessa, come ogni essere vivente, quando si sente in pericolo, una parte di essa decide autonomamente di "abbandonare la nave" che sta o potrebbe affondare, per tornare nella terra dell'anima che è una dimensione molto particolare.

Si tratta in breve di una specie di dissociazione psicologica che causa la perdita dell'interezza psichica della persona, ma non si perde in realtà la parte che si chiama anima bensì la si "nasconde" alla realtà della coscienza reale. Anticamente questa dimensione, era accessibile solo dagli sciamani e dai loro alleati, oggi si può dire che molte delle pratiche sciamaniche sono passate in mano a psicologi e psichiatri oltre che a medici, anche se i sistemi sono differenti e la preparazione è meno spirituale nel caso dei primi.

Alcuni comportamenti possono letteralmente rubare una parte dell'anima delle persone, così fanno infatti coloro che rubano l'anima per usarla per i propri scopi, anche se capisco che la cosa risulti incomprensibile per i non iniziati ma non è questo il luogo migliore per spiegare come ciò possa avvenire o il perché. Così come una parte del nostro essere può essere rubato può anche essere prestato a qualcuno che ne ha bisogno in quel momento, si può voler ad esempio prestare una peculiarità proprie come la pazienza, a una persona a noi cara che ne ha bisogno.

Naturalemte l'uso di quella peculiarità che doniamo non apparterrà mai alla persona da aiutare ma la potrà usare fino a che ne avrà necessità, anche se si creerà una sensazione di legame tra noi e la persona aiutata, cosa che potrebbe farci sentire scarichi e senza forza se il soggetto esagera nel prendere....basti vedere i vampiri energetici di cui si parla molto nell'esoterismo. Il recupero dell'anima non è una tecnica che i non iniziati (parlo di persone serie non di quelle che creano "corsi del fine settimana") qui non verrà indicata la procedura che necessità di una guida seria e un impegno profondo e giusto.

Che cosa ci si può aspettare dopo un un rito per il recupero dell'anima? Riconquistare la propria essenza crea e richiede un cambiamento, poiché dopo che lo sciamano avrà riportato indietro l'essenza personale, ci sarà maggiore energia a disposizione che potrà essere usata per il bene di sé ma anche degli altri, stando sempre attenti agli approfittatori...

A volte le parti dell'anima recuperate con sistemi sciamanici, tornano con regali particolari che andranno ad arricchire la persona, divenendone parte durante un periodo di assestamento, potrebbe per questo motivo comparire una necessità particolare nel soggetto trattato con il rito sciamanico, forse sentirà la necessità di scrivere poesie, o un libro, o di cantare, potrebbe cominciare a sentire la necessità di muoversi, studiare e molto altro. Il recupero dell'anima non deve essere considerato alla leggera ma bensì alla stregua di una nuova nascita, che richiede impegno, preparazione e la cura, come come l'attenzione per l'ambiente in cui la si fa tornare, non si dovrà infatti farla tornare nella stessa situazione che la vide andarsene.

 

 

Ti potrebbe interessare leggere

vestiti per lo yoga

Negozio prodotti per lo yoga