Esercizio Plesso Solare

Esercizio del plesso solare

posizione sdraiata rilassamento

Rilassare Plesso Solare Training Autogeno

Sono sicuro che avete spesso usato frasi come “Quella persona mi sta sullo stomaco” oppure “non riesco proprio a digerire quella situazione” o cose simili, bene, queste e altre espressioni di uso comune sottolineano l'importanza che lo stomaco ha nella nostra vita affettiva. Espressioni che associano pesantezza, freddo, tensione allo stomaco hanno connotazione negativa, Calore, leggerezza, rilassamento ci ricordano qualcosa di buono. Il grande filosofo greco Platone pensava che la nostra vita fosse regolata da tre anime: un'anima razionale situata nella testa, un'anima sensitiva nel cuore e un'anima vegetativa nello stomaco. Se andiamo a nuotare in acque fredde prima di avere completato la digestione rischiamo una congestione: anche se diciamo che il freddo ha colpito lo stomaco in realtà tutti i nostri movimenti verranno influenzati impedendoci anche di nuotare, con tutte le spiacevoli conseguenze del caso. Se mangiamo qualcosa di avariato sentiamo tensione allo stomaco, la testa si appesantisce e tutto il nostro essere ne è turbato. Uno dei rimedi più immediati è la boule dell'acqua calda della nonna, quindi la sensazione di calore nella zona addominale è da sempre considerata in modo positivo. Perché? Se appoggiamo la mano sull'addome, con il mignolo poco sopra l'ombelico e il pollice sotto lo sterno potremo dire di averla posizionata sopra il plesso solare, infatti, a metà strada circa tra la nostra mano e la spina dorsale, si trovano alcuni centri nervosi cui fanno capo terminazioni provenienti dalle varie parti dell'addome. Questi centri assumono così la formazione di piccoli soli che emettono i loro raggi verso l'esterno, siccome un insieme di centri nervosi è chiamata plesso, questa sottosezione è chiamata anche plesso solare. Da essa dipende la regolazione di molte funzioni soprattutto digestive, interessando stomaco, intestini, eccetera. Ora, se la zona regolata dal plesso solare è rilassata, ciò porterà localmente maggiore afflusso sanguigno favorendo le operazioni digestive, altrimenti troveremo una forte difficoltà a svolgere anche le più semplici attività.

Svolgimento esercizio Plesso Solare:

Dopo aver svolto l'esercizio del respiro terminando con la frase principale “io sono calmo” concentrate l'attenzione sulla zona addominale, cercando di sentire il vostro stomaco, le vostre viscere; pensate che ogni tensione abbandoni questa zona. A questo punto pronunciate mentalmente la formula:

il mio addome si inonda di calore.

Immaginate il sangue fluire in quella zona apportandovi vita e calore: calore che scioglie ogni tensione. Se non amate rammentare certi particolari anatomici potete immaginare il plesso solare come un piccolo sole posto al centro del vostro addome che irradia calore e luce tutt'attorno. Così come il sole scalda e scaccia le tenebre, anche il plesso solare corrobora e scaccia la tensione, in tal caso una formula alternativa potrebbe essere:

il mio plesso solare irradia calore.

Ripetetela alcune volte e concludete come sempre con :”io sono calmo”. Quindi, dopo aver aperto gli occhi, fate i soliti esercizi di riconnessione per riprendere contatto con la realtà fisica, stiracchiandovi e muovendovi delicatamente.

Controindicazioni

Proprio l'efficacia dell'esercizio e i mutamenti fisiologici che esso è in grado di indurre nella zona addominale ne sconsigliano l'applicazione a persone che soffrano dei seguenti disturbi: ulcera, gastrite acuta o cronica, emorragie gastro-intestinali, diabete e angina pectoris. Le donne in stato interessante dovrebbero senz'altro evitarlo a meno che non siano seguite da un istruttore esperto che comunque quasi certamente lo sconsiglierà a meno che la donna non voglia partorire prima del tempo.

 

Ti potrebbe interessare leggere

vestiti per lo yoga

Negozio prodotti per lo yoga